L'ENDODONZIA

Trattamento che permette di salvare i denti.

CHE COSA E’ 

Il trattamento endodontico è un intervento odontoiatrico necessario quando la polpa (il tessuto molle interno al dente) è infiammata o infetta per un danno provocato da una carie profonda, dall’esito di interventi sul dente, o da un trauma che ha provocato frattura o scheggiatura profonda. Consiste nella rimozione della polpa infiammata e infetta e nella sua sostituzione con un’otturazione permanente in guttaperca e cemento canalare.

 

COSA RISOLVE 

Il dente non sara’ piu’ infetto da batteri e, in seguito alla ricostruzione, svolgera’  le normali funzioni di un dente sano. 

 

A CHI E’ ADATTO

A tutti 

 

MODALITA’ DI TRATTAMENTO

DIAGNOSI 

  • Anestesia locale per neutralizzare il dolore
  • Ricostruzione provvisoria della corona dentale quando questa e’ molto distrutta per permettere l’aggancio della diga (importantissimo: la diga è un foglio di gomma che isola il campo intraoperatorio dalla saliva e dai batteri della bocca e al tempo stesso protegge il paziente dalle sostanze utilizzate per la terapia canalare)
  • apertura della camera pulpare con accesso alla polpa
  • reperimento dei canali radicolari tramite strumenti manuali e meccanici e attraverso l’ingrandimento ottico
  • misurazione della lunghezza(mediante un un localizzatore elettronico d’apice) e larghezza dei canali radicolari
  • strumentazione dei canali tramite strumenti endodontici per l’asportazione della polpa contaminata dai batteri
  • lavaggi con ipoclorito di sodio, un forte disinfettante, per ottenere un ambiente più pulito
  • otturazione canalare attraverso la Guttapercha, un materiale modellabile con il calore, associato al cemento canalare per l’adesione di questo materiale ai canali radicolari
  • la chiusura dei canali può avvenire sia a freddo che a caldo
  • ricostruzione della corona con il composito fotopolimerizzabile, dello stesso colore del dente
  • controllo radiografico alla fine della terapia
  • eventuale protesi fissa ad es. una corona se c’è una eccessiva mancanza di parete dentale naturale residua.

 

BUONE RAGIONI PER FARLO 

  • se vuoi evitare l’estrazione